Corretta Alimentazione durante l'allattamento

Dopo 10-15 giorni dal parto,

la madre che allatta fornisce ogni giorno al neonato circa 500-600 g di latte, che in seguito possono aumentare fino a 800-900 g.

Il bisogno calorico della nutrice varia in rapporto alla quantità di latte prodotto quotidianamente: ad esempio per produrre 800 g di latte, con valore energetico di 570 Kcal, la madre avrà bisogno di circa 700 Kcal in più. Questa quota calorica giornaliera può essere ridotta di 150-200 Kcal, che la nutrice dovrebbe ricavare dalle scorte di grasso accumulate nella gravidanza (circa 4 Kg, per un totale di 36.000 Kcal).

I livelli di assunzione giornalieri per la popolazione italiana consigliano per la donna in allattamento un supplemento calorico di 500 Kcal e una parte di queste verrà preferibilmente dal consumo di almeno 15 g di proteine in più, provenienti da latte, carne e uova.

Il fabbisogno di Calcio della nutrice è pari a quello della gestante, circa 1000-1200 mg al giorno, in quanto circa un terzo di questo verrà utilizzato per la produzione del latte materno. Utile appare anche una supplementazione di Ferro di 30-40 mg al giorno per evitare stati anemici tardivi.

Le dosi consigliate di Vitamine sono aumentate del 20-30% rispetto a quelle abituali, si è visto infatti che stati carenziali specifici riducono le quantità di Vitamine presenti nel latte materno, soprattutto per quanto riguarda le Vitamine liposolubili (A,D,E,K).

In pratica è bene consigliare che la quota proteica animale (carne, pesce, formaggi, uova) sia ben rappresentata, insieme a verdure, frutta, pane, pasta, riso, olio ed altri alimenti che non sono espressamente sconsigliati quali cipolle, aglio, peperoni, asparagi, cavoli, carciofi. Sono inoltre da evitare cibi piccanti conditi con spezie, fritture, molluschi, selvaggina.

Durante l'allattamento se da un lato è bene evitare la superalimentazione, dall'altro la donna può seguire il suo regime abituale integrandolo con latte e latticini e non solo con carboidrati come era costume nel passato.